Voto online dei soci

 Nuovo Consiglio di Amministrazione
Di seguito i dodici nuovi consiglieri: Matthias Braunhofer (Racines), Martin Ganthaler (Postal), Stephan Lageder (Laion), Siegfried Mairhofer (Brunico), Georg Mayr (Renon), Luca Rossi (Salorno), Meinhard Sinner (Braies), Karl Teller (Termeno), Rudolf Theine (Malles), Leo Tiefenthaler (Montagna), Karl Philipp von Hohenbühel (Appiano) e Johann Wild (Fortezza).
In occasione di una successiva seduta, il nuovo Consiglio di Amministrazione ha designato, in conformità allo statuto, il presidente e i due vicepresidenti: Leo Tiefenthaler è stato confermato nella carica di presidente, mentre la vicepresidenza è andata a Georg Mayr e Johann Wild.
Nuovo Collegio Sindacale
I membri effettivi eletti sono Christof Brandt, Elio Grigoletto e Manfred Mayr. Il sig. Brandt è stato designato presidente del Collegio Sindacale. I membri supplenti sono Lorenzo Saiani e Arthur Scheidle.
Bilancio 2020 
Oltre al rinnovo degli organi societari, all’ordine del giorno c’erano anche l’approvazione del bilancio d’esercizio 2020 e una retrospettiva su come il Consorzio ha superato l’anno della pandemia.
Il presidente Tiefenthaler ha riferito con soddisfazione che, nonostante le avversità, il Consorzio è riuscito a ottenere buoni risultati. Tale situazione, da un lato, è riconducibile alla classificazione di “rilevanza sistemica” dell’azienda per via dei suoi prodotti e servizi, e quindi alla possibilità di tenere aperto anche durante i lockdown; dall’altro, però, il management è riuscito a superare bene la crisi puntando su stabilità, tempestiva applicazione dei requisiti di sicurezza e mantenimento di un elevato livello delle prestazioni a beneficio dei clienti.
Il buon esito dello scorso anno è testimoniato anche dalle cifre: in quasi tutti i comparti, il Consorzio ha conseguito un segno positivo. In particolare, nel 2020, è stato realizzato un fatturato complessivo di 90,2 milioni di euro, con una crescita del 7,1% rispetto all’esercizio precedente. Inoltre, sempre nel 2020, ben 454 agricoltori hanno scelto di aderire al Consorzio, un numero quasi pari a quello record del 2019, a conferma del fatto che il Consorzio è per le imprese agricole un partner affidabile, che offre prodotti e servizi di qualità a prezzi equi.
Complessivamente, nonostante le difficoltà, per il Consorzio il 2020 è stato quindi un anno coronato dal successo.
di Klaus.Gasser@ca.bz.it